×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 62

Visualizza articoli per tag: Quarant'anni

Domenica, 23 Gennaio 2011 01:00

Festa del Quarantesimo

Venerdì 18 febbraio 2011 si è tenuta nella Sala Aragonite di Manno la Festa del quarantesimo di Verifiche con Claudio Taddei e Fabio Pusterla. È stata l'occasione per fare un bilancio dell'attività della rivista ma anche per festeggiare un traguardo che porta con sé orgoglio per quanto fatto e responsabilità per il futuro.

Pubblicato in Attività
Mercoledì, 07 Aprile 2010 20:43

Quarant'anni di Verifiche

La rivista "Verifiche. Cultura. Educazione. Società" si occupa di politica scolastica nel Canton Ticino dal 1969.
In questi quarant'anni ha accompagnato l'evoluzione della scuola ticinese nelle sue mille sfaccettature, nei sui tanti entusiasmi e nelle sue molte delusioni.
Verifiche ha vissuto gli strascichi del Sessantotto, la nascita della Scuola Media unificata, la realizzazione di una Università della Svizzera italiana e il continui mutamenti di quella che era la Scuola magistrale e che negli anni, passando attraverso l'Alta Scuola Pedagogica, si è trasformata nel Dipartimento della formazione e dell'apprendimento della Scuola Univesitaria Professionale.

Verifiche è forse l’unica rivista culturale che insieme non riceve né cerca sussidi pubblici e che non ha legami di partito, pur non nascondendo di situarsi in qualche modo “a sinistra”. Ciò le assicura un’indipendenza rara.

La rivista si è aperta da diversi anni verso ambiti culturali non strettamente legati all’educazione e pubblica contributi critici di argomento letterario, musicale, antropologico, artistico, eccetera. Essa pur tuttavia resta principalmente una rivista scritta prevalentemente da insegnanti, che cerca il suo pubblico fra chi vive la scuola e la formazione come cittadino, come fruitore, come insegnante, come studente, come genitore.

La nostra piccola rivista bimestrale vede che il suo titolo – Verifiche appunto – appare quanto mai attuale e si sforza di fare la sua parte nel suo compito essenziale di partecipazione democratica.

Vogliamo e ci sforziamo di occuparci “di cultura e politica dell’educazione”.

Pubblicato in Posizione