Verifiche, N.2, 2022 - In questo numero e sommario

Questo secondo fascicolo del 2022 è più corposo del consueto e ospita un ragguardevole numero di articoli. Segno questo che il processo di rinnovamento di Verifiche è in corso. Tanti contributi, dunque e tutti interessanti.

IN QUESTO NUMERO

Questo secondo fascicolo del 2022 è più corposo del consueto e ospita un ragguardevole numero di articoli. Segno questo che il processo di rinnovamento di Verifiche è in corso; e forse in autunno sarà possibile proporre ai lettori anche una nuova impostazione grafica. Tanti contributi, dunque e tutti interessanti.

L’editoriale richiama stanchezza e passione dei docenti, che hanno portato a conclusione un anno difficile, tra i condizionamenti pandemici e l’accoglienza dei profughi ucraini. Guerra, migrazioni, scuola e inclusione sono anche i temi dei contributi di Cristiana Spinedi e Graziella Corti. Roberto Salek prosegue la rubrica sulla realtà professionale del docente tra modelli teorici e “verità effettuale”. Del dibattito sulla scuola, innescato da un divisivo libro di Paola Moastrocola e Luca Ricolfi, riferisce con dovizia di argomentazioni Alessandro Frigeri, mentre Andrea Martignoni offre una spumeggiante recensione del libretto di Chiara Foà e Matteo Saudino imperniato su una radicale riforma della scuola.

Per restare invece alle nostre latitudini, Joël Vaucher de-la-Croix stila un bilancio del ciclo di incontri tra studenti liceali ed esponenti dei partiti politici ticinesi, promosso dalla società Demopedeutica.

Nelle ultime pagine ospitiamo gli articoli di Nina Pusterla sulle recenti manifestazioni culturali di Chiassoletteraria e della Festa per la giustizia sociale e contro la xenofobia; di Gianni Tavarini sull’eccidio di Babij Jar e sulle memorie rimosse; di Gian Paolo Torricelli, autore con alcuni collaboratori di uno studio degli effetti della pandemia sulla demografia e l’organizzazione territoriale ticinesi. Il fascicolo si chiude con un racconto breve di Giorgio Tognola, una deroga di Ignazio S. Gagliano e con i suggerimenti di lettura di Valeria Nidola.

Facendo proprie le parole di Giuliano Frigeri, tutta la redazione ringrazia con tanto affetto Ulisse Ghezzi, che lascia Verifiche dopo aver assicurato ininterrottamente per 45 anni un lavoro prezioso alla nostra rivista.

SOMMARIO

Copertina
  • Giugno 2022, la stanchezza e la passione degli insegnanti (La redazione)
  • Associazione Essere Umani (M. Chiaruttini)
  • Un sentito ringraziamento a Ulisse (G. Frigeri)
  • La verità effettuale dell’insegnante (R. Salek)
  • Guerre e migranti: il ruolo della scuola (C. Spinedi)
  • Guerre e migranti: accoglienza, inclusione, integrazione (G. Corti)
  • I partiti ticinesi a confronto sulla scuola pubblica (J. Vaucher-de-la-Croix, D. Bortoluzzi, G. D’Ettorre, A. Martini)
  • Paola Mastrocola divide (e disorienta) la sinistra (A. Frigeri)
  • Uccidere il mostro, reinventare la scuola e assicurarsi un futuro (A. Martignoni)
  • Per la salvaguardia delle lavagne d’ardesia (Movimento della Scuola)
  • Contro un grave degrado delle condizioni pensionistiche (Collegio LiBe)
  • Tra porti e accoglienza (Nina Pusterla)
  • Babij Jar, 1941 Ucraina (G. Tavarini)
  • Covid-19: effetti sull’organizzazione territoriale (G.P. Torricelli, S. Ponzio, L. Vallenari, C. Moreni)
  • Di piode e d’altro ... (G. Tognola)
  • Mesi di Romanzi - In deroga (I.S. Gagliano)
  • I giochi di Francesco
  • Scrivere e sognare (V. Nidola)

 

 

GLI ARTICOLI DISPONIBILI ONLINE

Verifiche N.3, 2022 - «Sul concetto di inclusione»

Verifiche N.3, 2022 - «Sul concetto di inclusione»

«ll termine inclusione rimanda all’atto di chiudere dentro un confine determinato al punto da poter stabilire che vi sia un dentro e un fuori, non solo, occorre che quel dentro sia migliore del fuori dal quale si viene esclusi e occorre anche che sia rappresentativo della realtà complessa di cui è fatta la vita, altrimenti sarà solo un perimetro formale privo di valore, entro il quale essere inclusi.»

Read more

Verifiche N.3, 2022 - «Inclusione sì, ma per chi? La storia di Nicola»

Verifiche N.3, 2022 - «Inclusione sì, ma per chi? La storia di Nicola»

«Prima di quella calda giornata del 11 giugno 2012 il mio sguardo sul mondo, sulla società e sui suoi funzionamenti era un po’ diverso, sicuramente meno “ampio”, rispetto a quello che è oggi, e questo lo devo anche alla nascita di mio nipote Nicola.  […] Le premesse per un’inclusione, insomma, sembrava vi fossero. Quando tuttavia, nel settembre 2016, è iniziato il percorso di scuola dell’obbligo di Nicola, anche i primi concreti ostacoli si sono palesati»

Read more

Verifiche N.3, 2022 - «Dall’integrazione all’inclusione. Un cammino ancora lungo» - Editoriale

Verifiche N.3, 2022 - «Dall’integrazione all’inclusione. Un cammino ancora lungo» - Editoriale

Verifiche entra nel nuovo anno scolastico proponendo ai suoi lettori importanti novità. La rivista si presenta innanzitutto con una grafica rinnovata: la scelta è caduta su un formato agile e attrattivo, valorizzato da inserti fotografici finalmente a colori. Anche la struttura dei contenuti offre sostanziali mutamenti.

Read more

Verifiche, N.3, 2022 - In questo numero e sommario

Verifiche, N.3, 2022 - In questo numero e sommario

Da questo numero Verifiche assume una nuova veste grafica, più fresca e colorata. La rivista dedica inoltre un inserto speciale all'inclusione scolastica.

Read more

Letto 60 volte

ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER

ATTIVITÀ


Verifiche. Cultura. Educazione. Società

La rivista si occupa di politica scolastica nel Canton Ticino dal 1969. In questi cinquant'anni ha accompagnato l'evoluzione della scuola ticinese nelle sue mille sfaccettature, nei sui tanti entusiasmi e nelle sue molte delusioni.

Verifiche è forse l’unica rivista culturale che insieme non riceve né cerca sussidi pubblici e che non ha legami di partito, pur non nascondendo di situarsi in qualche modo “a sinistra”. Ciò le assicura un’indipendenza rara.

La rivista si è aperta da diversi anni verso ambiti culturali non strettamente legati all’educazione e pubblica contributi critici di argomento letterario, musicale, antropologico, artistico, eccetera. Essa pur tuttavia resta principalmente una rivista scritta prevalentemente da insegnanti, che cerca il suo pubblico fra chi vive la scuola e la formazione come cittadino, come fruitore, come insegnante, come studente, come genitore.

La nostra piccola rivista bimestrale vede che il suo titolo – Verifiche appunto – appare quanto mai attuale e si sforza di fare la sua parte nel suo compito essenziale di partecipazione democratica.

Vogliamo e ci sforziamo di occuparci “di cultura e politica dell’educazione”.

Verifiche. Cultura. Educazione. Società - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -  https://www.verifiche.ch