Verifiche N.3, 2022 - «Sul concetto di inclusione»

«ll termine inclusione rimanda all’atto di chiudere dentro un confine determinato al punto da poter stabilire che vi sia un dentro e un fuori, non solo, occorre che quel dentro sia migliore del fuori dal quale si viene esclusi e occorre anche che sia rappresentativo della realtà complessa di cui è fatta la vita, altrimenti sarà solo un perimetro formale privo di valore, entro il quale essere inclusi.»

«Sul concetto di inclusione» di Roberto Salek

In questo numero di Verifiche si affronta il tema dell’inclusione nella scuola dell’obbligo, nel tentativo di fare chiarezza relativamente a un tema molto complesso, tornato d’attualità visto che si vuole ridisegnare un modello esistente, per crearne uno nuovo in cui si sperimentino classi miste, con la presenza di allievi, che attualmente frequentano la Scuola speciale.

Per raggiungere questo obiettivo si è deciso di sperimentare in alcune sedi questa modalità inedita, per poter ripensare l’inclusione e creare così una scuola più inclusiva di quella che già esiste. Inoltre nel disegnare il modello nuovo e anche per gestire le innumerevoli difficoltà esistenti in quello esistente, prende sempre più consistenza la Sezione della pedagogia speciale, che si sovrappone e ingloba la pedagogia “normale”: come a dire che per perseguire l’inclusione nella normalità occorra mettere in campo con l’epiteto “speciale” una sorta di Matrioska pedagogica.

Non intendo entrare nei particolari della questione, che viene affrontata all’interno del numero unico, piuttosto vorrei condividere alcune riflessioni generali al fine di fornire un contributo al dibattito in corso. Iniziamo dalla definizione: il termine inclusione è un sostantivo che rimanda al verbo includere, derivato dal latino includěre, composto di in e clauděre, cioè chiudere dentro.

Allora il termine inclusione rimanda all’atto di chiudere dentro un confine determinato al punto da poter stabilire che vi sia un dentro e un fuori, non solo, occorre che quel dentro sia migliore del fuori dal quale si viene esclusi e occorre anche che sia rappresentativo della realtà complessa di cui è fatta la vita, altrimenti sarà solo un perimetro formale privo di valore, entro il quale essere inclusi, oppure un espediente temporaneo e deprivante, che contribuisce a costruire una percezione artefatta della realtà, con le implicazioni negative che ne derivano, o ancora, potrebbe essere causa di malessere e disagio, che portano poi a un’altra forma di esclusione nell’inclusione: basti pensare ai casi allarmanti di abbandono scolastico in costante aumento nella scuola media.

Alla luce di queste considerazioni occorre dunque riferirsi, per quanto riguarda l’inclusione, alla scuola attuale, che è già inclusiva e a tutte le problematiche che la affliggono. Inoltre, se non si affronta il tema allargandolo oltre i confini della scuola dell’obbligo, si cadrà facilmente nella trappola di una falsa inclusione, creata artificialmente e forzatamente all’interno di un contenitore stagno, che una volta aperto verrà allagato dalla realtà effettuale della vita.

Lo scollamento che esiste tra il mondo fuori, quello degli adulti per intenderci, e quello dentro il modello ideale di scuola inclusiva, fatto di assiomi pedagogici “normali e speciali” atti a costruire un altro mondo, un mondo in cui tutti abbiano successo e riescano secondo i loro mezzi e le loro capacità, rischia di essere la questione più delicata complessa e potenzialmente controproducente. Se si vuole ripensare il modello, al netto delle idealità e delle buone intenzioni, occorre seguire il principio pragmatico della verità effettuale di ciò che è, e non di ciò che si vorrebbe che fosse.

Nel numero scorso di Verifiche ho parlato di effetto Frankenstein e di sindrome del Visconte dimezzato, per tratteggiare l’ipertrofia di ruoli che si sommano a quello del docente disciplinare, per far fronte agli innumerevoli disagi del gruppo classe, oltre che alla progressiva medicalizzazione degli apprendimenti, i quali danno luogo a una serie di misure speciali, che a loro volta si frappongono e interferiscono sulla pratica didattica del docente titolare, il quale perde così progressivamente la sua autorevolezza. Ora, in un simile contesto e con le risorse contate di cui si dispone, si intende allargare ulteriormente il concetto di inclusione secondo formule e ricette, alcune delle quali già esistenti e poco efficaci, che andranno ulteriormente a pesare e ad aggravare le problematicità che affliggono la scuola, con il rischio di rendere ancora più ampio il divario tra ciò che si desidera e ciò che si ottiene, alla luce della verità effettuale.

GLI ARTICOLI DISPONIBILI ONLINE

Verifiche N.3, 2022 - «Sul concetto di inclusione»

Verifiche N.3, 2022 - «Sul concetto di inclusione»

«ll termine inclusione rimanda all’atto di chiudere dentro un confine determinato al punto da poter stabilire che vi sia un dentro e un fuori, non solo, occorre che quel dentro sia migliore del fuori dal quale si viene esclusi e occorre anche che sia rappresentativo della realtà complessa di cui è fatta la vita, altrimenti sarà solo un perimetro formale privo di valore, entro il quale essere inclusi.»

Read more

Verifiche N.3, 2022 - «Inclusione sì, ma per chi? La storia di Nicola»

Verifiche N.3, 2022 - «Inclusione sì, ma per chi? La storia di Nicola»

«Prima di quella calda giornata del 11 giugno 2012 il mio sguardo sul mondo, sulla società e sui suoi funzionamenti era un po’ diverso, sicuramente meno “ampio”, rispetto a quello che è oggi, e questo lo devo anche alla nascita di mio nipote Nicola.  […] Le premesse per un’inclusione, insomma, sembrava vi fossero. Quando tuttavia, nel settembre 2016, è iniziato il percorso di scuola dell’obbligo di Nicola, anche i primi concreti ostacoli si sono palesati»

Read more

Verifiche N.3, 2022 - «Dall’integrazione all’inclusione. Un cammino ancora lungo» - Editoriale

Verifiche N.3, 2022 - «Dall’integrazione all’inclusione. Un cammino ancora lungo» - Editoriale

Verifiche entra nel nuovo anno scolastico proponendo ai suoi lettori importanti novità. La rivista si presenta innanzitutto con una grafica rinnovata: la scelta è caduta su un formato agile e attrattivo, valorizzato da inserti fotografici finalmente a colori. Anche la struttura dei contenuti offre sostanziali mutamenti.

Read more

Verifiche, N.3, 2022 - In questo numero e sommario

Verifiche, N.3, 2022 - In questo numero e sommario

Da questo numero Verifiche assume una nuova veste grafica, più fresca e colorata. La rivista dedica inoltre un inserto speciale all'inclusione scolastica.

Read more

Letto 42 volte

ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER

ATTIVITÀ


Verifiche. Cultura. Educazione. Società

La rivista si occupa di politica scolastica nel Canton Ticino dal 1969. In questi cinquant'anni ha accompagnato l'evoluzione della scuola ticinese nelle sue mille sfaccettature, nei sui tanti entusiasmi e nelle sue molte delusioni.

Verifiche è forse l’unica rivista culturale che insieme non riceve né cerca sussidi pubblici e che non ha legami di partito, pur non nascondendo di situarsi in qualche modo “a sinistra”. Ciò le assicura un’indipendenza rara.

La rivista si è aperta da diversi anni verso ambiti culturali non strettamente legati all’educazione e pubblica contributi critici di argomento letterario, musicale, antropologico, artistico, eccetera. Essa pur tuttavia resta principalmente una rivista scritta prevalentemente da insegnanti, che cerca il suo pubblico fra chi vive la scuola e la formazione come cittadino, come fruitore, come insegnante, come studente, come genitore.

La nostra piccola rivista bimestrale vede che il suo titolo – Verifiche appunto – appare quanto mai attuale e si sforza di fare la sua parte nel suo compito essenziale di partecipazione democratica.

Vogliamo e ci sforziamo di occuparci “di cultura e politica dell’educazione”.

Verifiche. Cultura. Educazione. Società - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -  https://www.verifiche.ch